Che cos’è 96, rue de-La-Fontaine Edizioni

L’estate del 2015 è stata la più calda registrata fino a quell’anno. Si desiderava frescura, quiete, una bibita fresca. Proprio in quell’estate è nata 96, rue de-La-Fontaine Edizioni e ci piace credere che ciò non sia stato un caso. Ci sia consentita una facile metafora: così come la calura invocava una bibita rinfrescante, allo stesso modo la nuova casa editrice si voleva porre come una proposta fresca, trasparente, intenzionata a promettere soltanto ciò che può mantenere e a mantenere ciò che promette.

Il panorama delle piccole case editrici italiane è sterminato e, proprio per la sua vastità, contiene, come si suol dire, “di tutto”, tanto che a un autore, soprattutto se esordiente, pare di muoversi in una sorta di jungla in cui può immaginare di imbattersi nella buona pantera Bagheera di Mowgli oppure, al limite opposto, nella feroce e sempre kiplinghiana Shere Khan, pronta a carpire, per pubblicargli un libro, cifre irripetibili.

96, rue de-La-Fontaine Edizioni è una Bagheera o una Shere Khan? Giudicheranno gli autori che vorranno mettersi in contatto con noi. Tuttavia, la metafora iniziale non è stata avanzata a caso: trasparenza, correttezza e cordialità saranno, si spera, riconosciute anche da chi deciderà, alla fine, di non servirsi di noi.

Trasparenza, correttezza e cordialità rivolte soprattutto (ma, certo, non soltanto) agli autori esordienti che vogliano potersi affidare con piena fiducia a chi, i libri, li fa di mestiere, ma, proprio per ciò che si è detto prima, sono giustamente cauti nel penetrare nella “jungla”. Gli esordienti (ma anche gli esperti) troveranno in noi una “sponda” dai termini chiari, che non domanderà di mettere mano al portafoglio e che chiederà, invece, la loro continua verifica, lungo i passi necessari per giungere a quel risultato emozionante che è il libro stampato, il proprio libro stampato! Davvero proprio perché cresciuto, dall’editing alla stampa, alla divulgazione, in una stretta collaborazione tra autore ed editore.

Un cenno, per finire, a quello che sembra un curioso nome: 96, rue de-La-Fontaine non è altro che l’indirizzo a cui è nato Marcel Proust, a Parigi. Ma chi dovesse andare nella capitale francese non perda tempo a cercarlo: la casa è stata demolita. Resta però, immortale, l’immensa costruzione della Recherche

Le nostre Collane

L’offerta letteraria di 96, rue de La Fontaine è articolata oggi in sei filoni: La rue Morgue (Gialli & Thriller), Il lato inesplorato (Narrativa), Italia ‘61 (La storia d’Italia raccontata dal basso), L’onda di Hokusai (Altri mondi), La carrucola del pozzo (Poesia)Baobab (Saggistica e prose).

Più avanti, è speranza dell’editore di avviare anche altre collane che possano abbraccaire il mondo della lettratura per ragazzi e bambini.

Si è scelto, invece, di non pubblicare fantasy:  malgrado il parere opposto di molti, l’editore considera il fantasy un genere non propriamente letterario, se non, forse, nelle sue espressioni più alte, estremamente rare. Questo giudizio discende dalla convinzione che da sempre esistano generi marginali, diciamo “paraletterari” (un tempo, il romanzo d’appendice o il romanzo rosa; oggi, il graphic novel o, appunto, il fantasy) che attendono ancora un Poe, un Conan Doyle, un Simenon, per entrare di diritto nella letteratura maggiore, checché dicano recensioni spesso troppo interessate, per essere davvero attendibili.

Ciò non significa, naturalmente, che 96, rue de-La-Fontaine Edizioni abbia l’ambizione di pubblicare esclusivamente letteratura “alta”, poiché le piccole case editrici sono fatalmente (e, fino a un certo punto, giustamente) la “palestra” in cui si formano i grandi autori del futuro e, quindi, producono in genere opere che sono, non a caso, i primi passi di scrittori ancora in evoluzione. Ciò non significa, tuttavia, che si tratti di un’attività marginale: affatto! Dunque, l’editore ha scelto (conscio di attirarsi critiche di cui sarebbe grato perché significherebbero che la sua presenza nel panorama editoriale non è passata del tutto inosservata) di limitarsi ai generi prima indicati, senza alcuna intenzione polemica nei confronti degli editori, diciamo così, onnivori e neppure verso quelli che verità vorrebbe che fossero definiti “bulimici”.

Una bellissima storia d'amore di una ragazza poco più che ventenne.
Amicizie, sogni, amori e paure si intrecciano tra loro in un susseguirsi di intense emozioni che rendono la lettura del romanzo scorrevole e piacevole.
Consigliato a tutte le donne romantiche ( e non) che credono nel vero amore.

-- Massimo Martellani su Amazon

Prima di tutto tuAntonella Trapani
Massimo Martellani

Sono rimasto molto colpito dal contenuto di questo libro che pur essendo la prima esperienza dello scrittore, sembra il prodotto di chi non è affatto alle prime armi. Scorrevole a tratti avvincente, ti coinvolge e ti incuriosisce al punto di non riuscire a darti tregua. Ricco di situazioni inaspettate, si completa con un finale entusiasmante di tutto rispetto, che ti invoglia ad attendere il prossimo lavoro con trepidazione. Complimenti

-- Matturro M. su Amazon

Il FrateMaurizio Galante
Matturro M.

Spedizione Gratuita

su tutti gli ordini!

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Impostazioni

When you visit any web site, it may store or retrieve information on your browser, mostly in the form of cookies. Control your personal Cookie Services here.

These cookies allow us to count visits and traffic sources, so we can measure and improve the performance of our site.

Monitoriamo gli accessi a questo sito tramite il servizio Google Analytics
  • _ga
  • _gid
  • _gat

Decline all Services
Accept all Services